martedì 20 settembre 2016

Pie di fine estate

Rieccoci :)

Siamo tornati da qualche giorno dalle vacanze e stiamo scrivendo il post del giro in Provenza che abbiamo fatto alla fine di agosto.
Nel frattempo però vi vogliamo lasciare una ricetta di una torta provata questa estate, portata ad una cena in terrazza. Una buonissima pie americana, non con il classico ripieno di mele, ma di pesche; d'altronde l'estate è la loro stagione e per qualche giorno saranno ancora disponibili, conviene approfittarne, no?
Dicevamo, una pie, una di quelle torte che va servita direttamente nella teglia dove è stata cotta, perché sarebbe un disastro provare a sformarla. Sia per il ripieno, decisamente umido e succoso, ma anche perché l'impasto non permetterebbe spostamenti.
Un impasto decisamente fragrante e sbricioloso, adatto a trattenere i succhi delle pesche che si formano in cottura; un qualcosa simile alla frolla, con molto burro e niente uova e solo un cucchiaio di zucchero. Che, a pensarci bene, come impasto andrebbe benissimo anche in una torta salata, basta togliere quel poco zucchero che c'è :)
Siamo sinceri, non avendola mai preparata non sapevamo esattamente cosa potesse succedere con così tante pesche nel ripieno, temevamo bagnassero troppo il fondo della torta; non volendo fare brutte figure alla cena, ci siamo premuniti. Abbiamo messo uno strato di amaretti sbriciolati sulla base, sia per assorbire l'eventuale liquido in eccesso, sia per dare quel sapore in più al tutto...in fondo le pesche vanno a nozze con gli amaretti.
Paura infondata, l'impasto ha retto benissimo; l'abbiamo anche preparata altre volte lasciando gli amaretti, che ci stanno veramente bene. 
Visto che sono gli ultimi giorni delle pesche, provatela anche voi...e se non fate in tempo o non le trovate più? Bhe, nessun problema, passate alla ricetta classica, con le mele. Gli ingredienti e le dosi sono gli stessi, magari aggiungete un cucchiaino di cannella nel ripieno, per dare il benvenuto all'autunno ;)


Pie alle Pesche
dosi | 8 persone
pesche | 1 kg
farina 00 | 340 gr + 4 cucchiai
burro | 240 gr
zucchero | 150 gr + un cucchiaio
zucchero di canna | qb
uovo | uno
amaretti | 15 circa
limone | uno
vaniglia | una bacca
acqua ghiacciata | 100 ml
sale | mezzo cucchiaino
aceto di mele | un cucchiaio e mezzo

In una larga ciotola mescolare i 340 gr di farina con il cucchiaio di zucchero ed il sale. Aggiungere il burro freddo tagliato a cubetti e lavorare velocemente con la punta delle dita fino ad ottenere delle grosse briciole; a questo punto versare l'aceto e poca acqua alla volta, lavorando il composto il meno possibile, fino a che non sarà tutto ben amalgamato. In base al grado di assorbimento della farina potrebbe volerci poco meno o poco più di acqua rispetto a quella indicata. Avvolgere l'impasto nella pellicola trasparente e lasciare in frigorifero per almeno 3 ore, meglio tutta la notte.
Per il ripieno, portare a bollore dell'acqua in una pentola capiente e poi tuffarci le pesche, prima incise con un taglio a croce, e lasciarle cuocere per 3 minuti; scolare, immergerle in una ciotola con acqua e ghiaccio per fermare la cottura.
Spelarle, tagliarle a fettine e metterle in una ciotola assieme ai 4 cucchiai di farina, i semi della bacca di vaniglia, 150 gr di zucchero, il succo e la scorza grattuggiata del limone; mescolare bene e tenere da parte.
Riprendere l'impasto e stenderne tre quarti in uno strato di circa 3mm di spessore, poi foderarci una teglia per pie da 26 cm; stendere sul fondo gli amaretti sbriciolati e poi il ripieno alle pesche.
Stendere il restante impasto, sempre a 3 mm di spessore, ricavarne 8 strisce e usarle per chiudere la torta, formando un motivo a griglia; mettere poi la teglia in frigorifero per mezz'ora.
Riprendere la torta, spennerlarla con l'uovo sbattuto, poi cospargerla con lo zucchero di canna e cuocere in forno caldo a 190° per 40 minuti, avendo l'accortezza di mettere sotto la teglia una placca, in modo da recuperare eventuali liquidi che colassero durante la cottura.
Sfornare e servire tiepida o a temperatura ambiente.

Il consiglio di Joe Toastino
Se siete amanti delle spezie, con questo ripieno ci sta benissimo della noce moscata: aggiungetene mezzo cucchiaino al ripieno delle pesche...la torta sarà ancora più aromatica!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...