mercoledì 4 novembre 2015

Un alberello di arance


Un alberello di arance.

Lo abbiamo comprato qualche anno fa; piccolino, non ha mai fatto molti frutti, giusto una manciata.
Poi, un paio di primavere fa, lo abbiamo trapiantato, è cresciuto un poco ed ora è carico di frutti...tante piccole arance, grandi circa come delle palline da ping pong.
Non si riescono però a mangiare. Nel senso, una volta sbucciate non rimane praticamente nulla...quindi che farne? Perchè di lasciarle ad appassire sull'alberello non se ne parlava proprio.
Ci è venuto in mente di prepararle candite; avevamo letto tempo fa una ricetta di mandarini cinesi, o kumqwat, canditi, appunto. Ora, i mandarini cinesi a noi non hanno mai convinto da mangiare così come sono. Di sbucciarli non se ne parla, si perde solo pazienza, e di mangiarli con la buccia non se ne parla doppiamente; quelle poche volte che li abbiamo utilizzati sono finiti assieme ad altri ingredienti in dolci o simili, e comunque cotti.
Quindi, perché non farli canditi? Il procedimento è veramente banale, bisogna solo aspettare i tempi di riposo, ma d'altronde, per le cose buone ci vuole tempo ;)
Ma poi come si usano? A noi piacciono con i formaggi; ma stanno benissimo anche con del gelato o come dei canditi veri e propri, quindi da inserire nei dolci...insomma, sbizzarritevi!!

Mini Arance Candite
mini arance/kumqwat | 1 kg
zucchero | 1 kg
acqua | 1 lt
bicarbonato | 2 cucchiai

Mettere le arance in una grossa ciotola, coprirle con acqua fredda, aggiungere il bicarbonato, mescolare bene e lasciare riposare per due ore.
Riprenderle, sciacquarle bene e bucherellarle con uno stuzzicadenti.
In una pentola capiente, con fondo spesso, versare lo zucchero, l'acqua e portare a ebollizione; unire le arance e far cuocere per 20 minuti, lasciando sobbollire dolcemente. Spegnere il fuoco, coprire e lasciare riposare 24 ore.
Passate le 24 ore togliere le arance dalla pentola, riportare a bollore lo sciroppo, rimettere le arance e far cuocere altri 20 minuti; lasciare poi riposare altre 24 ore. Ripetere poi il procedimento un'altra volta.
Lasciare raffreddare le arance e poi metterele in un barattolo a chiusura ermetica; si corservano per 6 mesi, al buio e all'asciutto.

Il consiglio di Joe Toastino
Aromatizzate lo sciroppo con delle spezie, tipo una stecca di cannella o una bacca di vaniglia; saranno ancora più buone :)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...