martedì 30 giugno 2015

Chutney notti d'oriente

Ricetta di ispirazione marocchina.

Non lo abbiamo fatto apposta. È vero, il nostro viaggio in Marocco ci ha lasciato impressi nella testa i profumi delle spezie, la ricetta di questo chutney era però parcheggiata lì da parecchio tempo e l'occasione di provarla si è presentata quando ci hanno invitato, un paio di settimane fa, ad una grigliata.
Grigliata vuol dire anche salse di accompagamento; e noi siamo quelli che solitamente portano le cose particolari....quindi via di chutney. Che prevede all'interno, tra gli altri ingredienti, i datteri; che, guarda caso, avevamo giusto in dispensa, souvenir del Marocco :)
E poi a noi i mix di frutta e spezie piacciono, quindi ci siamo messi subito all'opera. A differenza degli altri tipi di chutney, questo non prevede lo zucchero; a dare la dolcezza necessaria ci pensano le carote e la frutta; la birra poi lascia quel leggero retrogusto amarognolo, che bilancia tutto.
Arrivati alla grigliata abbiamo distrattamente messo il nostro barattolo di chutney sul tavolo e aspettato di vedere le reazioni; all'inizio sono state un poco diffidenti, ma poi ha conquistato tutti, tanto che da una parte all'altra del tavolo fioccavano richieste del tipo “ehi, mi passi il chutney notti d'oriente?”. Sì, è stata proprio soprannominata così :D

Chutney di Carote
dosi | un vaso da 500 ml
carote | 3 medie
datteri | 5
uvetta | 30 gr
scalogno | uno
semi di coriandolo | ¼ cucchiain
semi di finocchio | ¼ cucchiaino
peperoncino secco | uno piccolo
chiodo di garofano | uno
aceto bianco | 3 cucchiai
birra chiara | 500 ml
olio di oliva | 2 cucchiai

Pelare le carote e poi ridurle a strisce sottili, usando un pelapatate. Tritare lo scalogo e farlo soffriggere in una casseruola assieme all'olio; aggiungere le carote, i datteri tagliati a cubetti, l'uvetta, le spezie passate al mortaio, l'aceto e metà della birra. Mescolare bene, coprire e lasciare cuocere a fuoco basso per 40 minuti, aggiungendo poco a poco la birra rimasta, nel caso il composto si asciugasse troppo.
Versare il chutney in un vasetto sterilizzato, lasciare reffreddare e conservare in frigorifero fono a 15 giorni.

Il consiglio di Joe Toastino
Questo tipo di chutney si accompagna benissimo con i formaggi a pasta molle, come il gorgonzola dolce e lo stracchino; il mix speziato si abbina perfettamente con la dolcezza e grassezza del formaggio.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...