mercoledì 22 aprile 2015

Cosa fare con una cassetta di limoni_Marmellata

Limoni, quarta ed ultima parte.

Come promesso, eccoci all'ultima puntata sul come usare una cassetta di limoni regalata dal contadino che non sapeva più dove metterli.
Con gli ultimi 2 kg ci abbiamo fatto la marmellata; e con un certo stupore abbiamo scoperto 2 kg di limoni producono tre barattolini scarsi di marmellata. Niente praticamente. Però l'abbiamo fatta con le nostre manine, quindi la fatica per farla è stata ampiamente ripagata.
Sì, perché per fare questa ricetta c'è da prendersi un pomeriggio; bisogna prima pelare i limoni senza, ovviamente, portare via anche la parte bianca. Poi tagliare le bucce a striscioline sottilissime e farle bollire per tre volte in modo che perdano l'amaro. Poi pelare a vivo i limoni, cuocerli con lo zucchero, passarli al passaverdure, cuocerli di nuovo ed infine invasare il composto. Capite bene che ci vuole il suo bel tempo; la parte più rognosa è sicuramente quella del pelare i limoni e tagliare la buccia sottile. Però volte poi mettere la sensazione di sentire tutte queste striscioline candite quando si mangia la marmellata?
Noi, come sapete non ci piacciono le cose troppo dolci, abbiamo usato poco zucchero. Rispetto ad una marmellata normale il sapore è decisamente asprigno...al primo assaggio fa storcere un pochino la lingua, ma è solo il primo impatto; poi ci si abitua, l'aspro sparisce e si sente tutto l'aroma del limone. Se proprio non pensate di farcela e volete una marmellata più dolce aumentate la dose di zucchero fino ad un chilo, non ve lo vietiamo :)

Marmellata di Limoni
limoni bio | qb
zucchero | qb

Pelare i limoni, evitando la parte bianca, e tagliare a striscioline sottili le bucce. Metterle in un pentolino e coprirle a filo con acqua fredda, portare a bollore, scolarle, cambiare l'acqua e ripetere altre due volte; all'ultimo passaggio aggiungere un cucchiaio di zucchero e lasciare a riposare nell'acqua.
Nel frattempo pelare a vivo i limoni, per eliminando tutta la parte bianca, tagliarli a pezzi, pesarli e metterli in una pentola capiente con metà del loro peso in zucchero. Far cuocere per 30 minuti, mescolando spesso.
Passare il tutto al passaverdura, rimettere sul fuoco aggiungendo le scorze del limone fatte sbollentare e lasciare cuocere per altri 20 minuti.
Versare la marmellata in vasetti sterilizzati, chiuderli bene e farli bollire per 20 minuti; farli raffreddare nell'acqua di bollitura, poi riporli al riparo dalla luce per un paio di settimane, prima di consumare.

Il consiglio di Joe Toastino
Se vi piace potete aggiungere una foglia di menta in ogno vasetto, prima di versare la marmellata; acquisterà un gradevole aroma di fresco.

2 commenti:

  1. Sull'agro non avrei problemi, io mangio i limoni anche "nature", ma il procedimento e' un po' troppo complicatino per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, è veramente semplice, un poco lungo, ma fattibilissimo ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...