martedì 16 dicembre 2014

In anticipo

Due settimane.

Questo dolce che vi proponiamo lo abbiamo fatto due settimane fa. Che detto così suona un attimino male, ma non preoccupatevi, non abbiamo intenzione di avvelenare nessuno :)
Prefazione: in un mercatino benefico, verso la metà di novembre, abbiamo recuperato un libro degli inizi degli anni '80 sulle ricette natalizie. Ingiallito al punto giusto, qualche macchia di unto sparsa sulle pagine e una grafica che ci ha rapito; non ci sono fotografie, solo illustrazioni e il testo è scritto in corsivo...una meraviglia per gli occhi, insomma.
Il lato ricette è altrettanto interessante: una panoramica sui principali piatti di Natale italiani e uno sguardo a quelli di altri paesi, incluse ricette che ci hanno lasciato un attimino perplessi (leggi: zuppa di tartaruga).
Comunque, il nostro occhio è cascato sulla Christmas Cake inglese; ne vevamo già letto, ma non ce ne eravamo mai del tutto interessati, anche perché quando vediamo le ricette espresse in cucchiai, tazze, once&co, sinceramente ci passa la voglia. Questa invece era bella che espressa in grammi, cosa che ci ha fatto soffermare nella lettura...e poi il disegnino di accompagnamento era tanto bellino, quindi dovevamo per forza farla :D
Ve lo diciamo fin da subito: questa torta ha qualcosa come millemila calorie; il corrispettivo dell'intero pranzo di Natale è racchiuso in una fetta, quindi regolatevi quando la servite, perché è veramente ricca. Della serie...prendete tutta la frutta secca e candita che vi capita a tiro, unite burro, farina e uova ed otterrete il dolce. Che ha una particolarità: va fatto almeno una settimana prima del Natale, meglio un mesetto, in modo che tutti i sapori possano fondersi al meglio.
Noi vi riportiamo la ricetta per un dole unico, però poi, in realtà, abbiamo cucinato delle monoporzioni; uno perché il tempo di cottura si riduce a un'oretta scarsa, due perché poi sono facilissime da regalare: sacchettino trasparente, fiocchetto rosso e oplà, pensierino fatto ;)
Con le dosi della ricetta si ottengono circa 10 stampini monoporzione; noi abbiamo usato quelli per il creme caramel, ben imburrati.
Ah, sul libro c'è scritto di servire con una glassa a base di burro e liquore...inutile dirvi che questo passaggio lo abbiamo saltato a piè pari. La torta è veramente buona e ricca già così, inutile far alzare la conta delle calorie; la ricetta dice anche, qualche giorno prima di Natale, di bagnarla quotidianamente con del liquore a piacere. Noi a questo giro ce ne siamo dimenticati, ma non ci è sembrato grave perché la tortina che abbiamo provato era umida al punto giusto. Non ci resta che aspettare Natale per testare la differenza con quelle bagnate con il liquore :)

Christmas Cake
dosi | una teglia da 22 cm
farina 00 | 300 gr
zucchero | 125 gr
zucchero di canna | 125 gr
burro | 250 gr
uova | 4
frutta secca mista sgusciata | 500 gr
uvetta | 600 gr
ciliegie candite | 150 gr
canditi misti | 150 gr
limone | 1
cannella | un cucchiaino
noce moscata | un cucchiaino
miele | un cucchiaio
bicarbonato | un cucchiaio
latte | un cucchiaio
brandy | 2 cucchiai

Mettere a bagno l'uvetta per 30 minuti in dell'acqua tiepida; sciacquarla bene e trasferirla in una ciotola capiente con la farina, l'uvetta, i canditi, le ciliegie tagliate in quattro, la frutta secca tritata grossolanamente, le spezie e la scorza grattuggiata del limone.
A parte lavorare il burro con gli zuccheri e il miele, incorporare poi le uova e unire questo impasto nella ciotola con il resto degli ingredienti. Per ultimo aggiungere il bicarbonato sciolto con il latte ed il brandy.
Versare l'impasto nella tortiera foderata con carta da forno e cuocere in forno caldo a 140° per 3 ore; sfornare, lasciare raffreddare completamente, avvolgere nell'alluminio e chiudere in una scatola di latta. Poco prima di Natale, 3-4 giorni prima, inumidirla ogni giorno con del brandy o altro liquore a piacere.

Il consiglio di Joe Toastino
Potete variare gli ingredienti come più vi piace, basta che rispettiate le proporzioni. Che ne dite di provare una versione con datteri e fichi secchi?

2 commenti:

  1. la ricetta sembra un qualcosa di intermedio tra il panforte e una torta soffice. Sarà anche una bomba ma sicuramente anche una botta di vita, di quelle che fanno proprio Natale, tanta frutta secca, canditi e spezie. Mi piace anche l'idea delle monoporzioni, visto che si conservano così tanto sono perfette per i regalini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che i dolci dietetici non fanno per noi! :) E con la monoporzione sembra sempre di non esagerare :) Buone feste, darling!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...