mercoledì 22 ottobre 2014

It's a kind of magic


Siamo contenti.

Siamo riusciti a fare le meringhe.
Vi starete chiedendo...e che ci vuole? In effetti la ricetta è di quelle che sembrano facili; albumi, zucchero e via in forno. Peccato che poi dalla teoria alla pratica ci sia di mezzo un mare di fallimenti ed arrabbiature mica da ridere. Il più delle volte il risultato è stato deludente ed ha contribuito solamente a fare alzare il livello di arrabbiatura e quello della bolletta...si perché le meringhe prevedono una cottura lunghissima, della serie che con lo stesso tempo si fa un volo oltre oceano.
Poi però questa estate ci è capitato sotto le mani un bellissimo libro, Finchè le stelle saranno in cielo. Le protagoniste del romanzo sono le ricette che Rose, ebrea sopravvissuta al rastrellamento di Parigi del 1942 e fuggita in America, tramanda a sua nipote Hope; ricette che sono il filo conduttore della vicenda, perché uniscono tradizioni e culture diverse, contro ogni forma di pregiudizio e razzismo.
E tra queste ricette ci sono saltate subito all'occhio le meringhe, non tanto per la ricetta in sé  quanto per il metodo di cottura; niente forno acceso per ore ed ore, assolutamente. Il forno va acceso, portato a temperatura e poi spento. Le meringhe si cuoceranno da sole nel corso della notte, basta non aprire lo sportello.
E secondo voi non abbiamo voluto provare la veridicità della cosa? Siamo sinceri, non è che fossimo molto convinti; però ci siamo dovuti ricredere. Le abbiamo “infornate” la sera e quando la mattina ci siamo svegliati ci siamo fiondati subito a vedere il risultato. Avete presente i bimbi il giorno di natale che si lanciano sotto l'albero a scartare i regali? Ecco, la scena è stata praticamente la stessa. E come per magia, le meringhe erano cotte; bianche, gonfie e croccanti.
Non chiedeteci come sia possibile, non lo capiamo nemmeno noi e sinceramente ci va bene la spiegazione della magia :)
Però, per far si che il tutto si avveri, bisogna rispettare un paio di regole. Gli albumi devono essere a temperatura ambiente e lo zucchero deve essere il triplo del peso degli albumi; il limone serve per rendere le meringhe più bianche. E, cosa più importante, mai e poi mai aprire lo sportello del forno se non sono passate dodici ore, quindi vi conviene farle prima di andare a dormire, così non avrete la tentazione di sbirciare.
Noi ci siamo attenuti alla ricetta e le abbiamo formate con un paio di cucchiaini, quindi non sono grossissime. Non sappiamo se ad aumentarne le dimensioni si corre il rischio che all'intero rimangano leggermente appiccicose. Ma quello in fondo è questione di gusti, a noi piacciono belle asciutte :)
Non vi resta che provarle e farci sapere che ne pensate, noi siamo entusiasti!!!

Meringhe
dosi | circa 30 meringhe
albume | 80 gr
zucchero | 240 gr
succo di limone | 4 gocce

Accendere il forno a 180°.
Nel frattempo montare gli albumi con lo zucchero ed il limone, fino a che non saranno gonfi e lucidi.
Aiutandosi con due cucchiaini, o con una tasca da pasticcere, formare le meringhe su delle placche foderate con carta da forno.
Spegnere il forno, inserire le teglie, chiudere lo sportello e lasciare così per almeno 12 ore. Conservare le meringhe in una scatola di latta ben chiusa, in modo che non prendano umidità.

Il consiglio di Joe Toastino
Per delle meringhe ancora più golose aggiungete delle gocce di cioccolato al composto, amalgamandole bene, in modo che si distribuiscano uniformemente.

4 commenti:

  1. Ohhh Joe ma cosa mi dici mai!?
    Persino io (che non le ho mai fatte!) so che le meringhe non vanno cotte ma soltanto fatte "asciugare"! Infatti i forni e le pasticcerie, da quel che mi risulta, le fanno al termine della giornata quando i forni si spengono e si raffreddano piano piano nella notte ;-) cmq non ti ho scritto mica per farti la predica (non oserei mai! :-P) ma per congratularmi perché sono venute proprio carine. Soprattutto il colore è perfetto, bianchissimo! Bravo bravo bravo!!!
    Sulla bontà mi fido e non ti chiedo l'assaggio e sai perché? Perché in realtà a me le meringhe NON piacciono! :-P :-P :-P ;-) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHAHAHHA mitica! Allora per questa volta non chiederemo il tuo parere sul gusto! Ma tieniti pronta: the best is yet to come!! ;)

      Elimina
  2. Nooooo ma questa è magia!!! io le avevo sempre cotte a temperatura bassa per almeno 4 ore e con il forno leggermente aperto. E sono venute anche bianchissime, davvero stupende. Caspita questa cosa da piccolo chimico mi ispira un sacco, le proverò di sicuro anche perchè la mia nipotina adora le meringhe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elenuccia, tu riesci sempre a far splendere anche il più grigio e freddo dei lunedì d'autunno!;) Troppo buona!! It's a kind of magic, ovviamente! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...