mercoledì 16 luglio 2014

Passepartout

Pomodorini.

Dovete sapere che appena inizia la stagione dei pomodori ciliegini (o datterini...insomma, tutti i pomodori in formato mignon che ci capitano sotto mano) almeno un paio di volte a settimana prepariamo il contorno estivo per eccellenza, per noi. Pomodorini al forno.
Si ecco, estate e forno non vanno proprio d'accordo, ma per questa ricetta non siete obbligati a stare davati al forno in contemplazione...in fondo non si tratta di un pan di spagna, non bisogna controllare maniacalmente la cottura.
Dicevamo, i pomodorini; si tratta di una ricetta scema, ma che vi salva la vita, credeteci. Prendete un tot di pomodorini (tanti, perché una volta assaggiati non ci si ferma più, è impossibile) si tagliano a metà (ecco, l'unica parte noiosa) si mettono in teglia e si condiscono con olio, origano, aglio, zucchero, sale&pepe. Poi via la teglia in forno e via anche voi dalla cucina...spalancate la finestra e cambiate stanza, tanto loro si cucinano pian pianino, da soli, senza che dobbiate curarli (ecco, magari buttate un occhio dopo mezz'ora, non si sa mai). Tornate dopo un'oretta e troverete il contorno pronto da servire. Con cosa? Con qualunque cosa vi passa per la mente. Si sposano benissimo con una bella mozzarella o comunque formaggi non troppo saporiti, del pesce, come antipasto, da metter sulle bruschette...e sono ancora più buoni il giorno dopo. Insomma, un passepartout per pranzi e cene estivi.
Noi questa volta li abbiamo usati per condire una pasta, da mangiare a temperatura ambiente. Ci abbiamo fatto un pesto abbastanza rustico, non va lavorato molto; un paio di colpi di frullatore con mandorle e basilico ed il gioco è fatto.
Potete usare il tipo di pasta che più vi piace, però che sia corta e di un formato che raccolga bene il sugo; noi in questo caso abbiamo provato con dei fusilli bucati. Ovviamente si può provare anche con l'integrale, perché no? Sperimentate!
Oltre ad essere veloce da preparare e molto buona, questa ricetta andrà benissimo anche per i vostri ospiti vegani...insomma, piacerà a tutti, ve lo assicuriamo :)


Pasta con Pesto di Pomodorini
dosi | 6 persone
pasta corta | 500 gr
pomodori ciliegini | 600 gr
mandorle pelate | 100 gr
basilico | 20 foglie circa
olio evo | 5 cucchiai
origano | 1 cucchiaio
aglio | 4 spicchi
zucchero | 1 cucchiaino
sale&pepe| qb

Lavate i pomodorini, tagliateli a metà e metteteli in una teglia, con il lato del taglio rivolto verso l'alto. Condire con 2 cucchiaio d'olio, l'origano, lo zucchero, sale, pepe e cuocere in forno preriscaldato a 150° per circa 50 minuti, o fino a quando i pomodorini sono abbrustoliti.
Mettetene tre quarti in un tritatutto assieme a due spicchi d'aglio (quelli cotti assieme ai pomodorini), l'olio rimanente, il basilico, le mandorle tostate leggermente in padella e gli spicchi d'aglio pelati; frullate fino ad ottenere un composto non troppo denso, nel caso aiutatevi con ancora un poco d'olio.
Nel frattempo fate cuocere la pasta al dente e poi conditela con il pesto appena preparato e i pomodorini rimasti; lasciate riposare la pasta a temperatura ambiente almeno un paio d'ore prima di servirla, in modo che i sapori si possano amalgamare al meglio.

Il consiglio di Joe Toastino
Provate a sostituire parte delle mandorle con altra frutta secca come noci, anarcardi o nocciole...il pesto ne guadagnerà in sapore!

martedì 8 luglio 2014

La torta dell'agente Cooper


Chi non l'ha visto?
Noi no, almeno fino a poco tempo fa. Da piccolini non siamo riusciti a vederlo (leggi: non ce lo hanno fatto guardare), ma nelle ultime settimane lo abbiamo ripreso in mano per poter finalmente capire che cosa succedeva nel paesello sperduto in mezzo ai boschi.
No, Joe Toastino non si è trasformato improvvisamente in un blog di recensione di telefilm, non preoccupatevi.
Però durante la visione delle puntate eravamo distratti da una cosa, che più o meno ricorreva in ogni puntata: la torta di ciliegie che l'agente Cooper ordinava al Double R Diner. Ecco, l'immagine di quella fetta strabordante di ciliegie amaranto, accompagnata da una bella cucchiaiata di panna...bhe, ci si era fissata in testa.
Quindi si è resa necessaria una ricerchina per i vari siti americani che trattavano dell'argomento (e ce ne sono parecchi), per provare a replicare dal vero quell'immagine televisiva. Come poteva essere ovvio le ricette si contraddicevano l'una con l'altra, quindi anche questa volta abbiamo scelto quella che ci convinceva di più; in realtà abbiamo preso la pasta frolla da una parte e il ripieno dall'altra.
Non possiamo sapere il sapore della torta del telefilm, ma quella che abbiamo messo assieme noi ci è piaciuta molto :)
La frolla si lavora benissimo, anche con il caldo di questo periodo; mentre il ripieno ha quel saporino acidulo che bilancia perfettamente l'impasto...insomma, se anche voi siete rimasti incantati dalla torta di ciliegie dell'agente Cooper, dovete assolutamente provarla!
Piccola nota a margine: procuratevi uno snocciolatore, che la torta è piena di ciliegie e rischiate di impazzire se non usate uno di quegli aggeggini magici ;)

Torta di Ciliegie
dosi | una tortiera da 24 cm di diametro
farina | 275 gr
burro freddo | 150 gr
zucchero a velo | 30 gr
uova | 2
acqua | ½ cucchiaio
ciliegie fresche denocciolate | 750 gr
zucchero | 100 gr
maizena | 2 cucchiai
vaniglia | un baccello
limone | uno
zucchero di canna | un cucchiaio

Versare in una ciotola capiente la farina con lo zucchero a velo, aggiungere il burro freddo tagliato a cubetti e iniziare a lavorare con la punta delle dita, fino a formare delle briciole. A questo punto aggiungere l'uovo mescolato con l'acqua e lavorare velocemente fino ad ottenere un impasto liscio. Avvolgere con della pellicola trasparente e lasciare riposare in frigorifero per almeno due ore, meglio tutta la notte.
In una pentola con il fondo spesso versare le ciliegie denocciolate, lo zucchero, il baccello di vaniglia tagliato per il lungo e la scorza del limone grattuggiata; portare a bollore a fuoco basso e lasciare sobbollire per 10/15 minuti.
Mescolare la maizena con il succo del limone, versare nella pentola e mescolare fino a che il composto di ciliegie non si addensa; togliere dal fuoco, lasciare raffreddare e poi eliminare la vaniglia.
Riprendere la pasta dal frigorifero, dividerla a metà e stendere le due parti dello spessore di circa 5 mm; rivestire il fondo della teglia con la pasta, versare le ciliegie, spennellare i bordi con l'uovo sbattuto e chiudere con la pasta rimanente. Premere bene i bordi in maniera tale da sigillarli, spennellare la superficie con l'uovo sbattuto rimasto e spolverizzare con lo zucchero di canna. Con un coltellino affilato fare un taglio a croce al centro della torta e ripiegare i lembi all'esterno; questa operazione serve a fare in modo che il vapore abbia un punto di uscita, così la frolla non risulterà molle dopo la cottura.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°, per circa 35 minuti, fino a che la torta non è ben dorata. Sfornare e servire tiepida.

Il consiglio di Joe Toastino
Servite la torta con della panna appena montata; l'aspro delle ciliegie si sposerà benissimo con la panna!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...