martedì 18 marzo 2014

Semplicità

Ogni tanto ci vuole.

Oggi farinata, una ricetta semplicissima ma buonissima. Gli ingredienti si contano sulle dita di una mano, ma mi raccomando...pochi ingredienti, ma di ottima qualità.
Un'amica ci ha portato direttamente da Genova un pacchetto di farina di ceci appena macinata e noi non potevamo che metterci all'opera immediatamente. In realtà la farinata è uno di quei piatti che abbiamo fatto spesso e che quando si è in Liguria non perdiamo di assaggiare appena ci capita a tiro.
Riprodurla a casa però non è facile e ci abbiamo messo il nostro bel numero di esperimenti prima di trovare la tecnica giusta per poter replicare almeno in parte quella che si trova in riviera. Tenendo conto che noi la teglia di rame e il forno a legna non li abbiamo, ci è rimasto solo che fare dei tentativi.
Alla fine ci siamo riusciti; il nostro personale trucco è quello di mettere a scaldare la teglia unta d'olio nel forno, mentre raggiunge la temperatura per cuocere la farinata, e poi versarci il composto. In questo modo si forma anche nella parte inferiore quella crosticina che la rende così deliziosa.
Non mangiatela subito tirata fuori dal forno perché, a parte avere la temperatura della lava, deve avere il tempo di riposare per compattarsi leggermente. Aspettate che intiepidisca, un giro di pepe macinato grosso et voilà, non saprete più farne a meno, garantito ;)

Farinata
dosi | una teglia da 35 cm di diametro
farina di ceci | 250 gr
acqua | 750 gr
olio di oliva | 100 gr
sale&pepe | qb

Versare la farina in una ciotola e aggiungere poco a poco l'acqua, mescolando bene con una frusta, in modo che non si formino grumi. Coprire e lasciare riposare almeno 4 ore, togliendo la schiuma che si formerà.
Aggiungere l'olio, il sale e il pepe e mescolare bene. Accendere il forno a 220°, inserire la teglia ben unta d'olio e aspettare che abbia raggiunto la temperatura (state attenti all'olio, se inizia a fumare togliete la teglia dal forno).
Versate il composto nella teglia e infornare per 20/30 minuti, fino a che la superficie è ben dorata. Prima di servire fate riposare la farinata per almeno una mezz'ora.

Il consiglio di Joe Toastino
Vi consiglio di mangiarla il giorno successivo, leggermente scaldata in padella...è ancora più buona!

4 commenti:

  1. La adoro ma non l'ho mai preparata a casa, non è tra le ricette della mia tradizione quindi alla fine l'ho mangiata solo pochissime volte, in qualche incursione in toscana. In effetti è buonissima e la crosticina sotto fa la differenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente provare a farla, Elenuccia! È davvero semplice, e gustosissima! La crosticina dà proprio un tocco in più, hai ragione! E come suggerisco, anche il giorno dopo è irresistibile!!

      Elimina
  2. Caro Joetoastino,
    io e i ceci non andiamo affatto d'accordo, purtroppo... :(
    Però devo dire che questa specie di pizzetta mi andrebbe proprio di assaggiarla ché a vederla fa un po' gola... Ovviamente... non la proverò (per ora!) ;) magari attenderò di mangiarla per la prima volta da qualche parte dove scopro che la fanno buona.
    Cmq grazie per la buona e sana dose di curiosità che mi hai trasmesso, ahaha :D
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina carissima!! Argh, proprio i ceci!!! Dannazione mi farò perdonare molto presto, lo giuro!! Guarda, posso suggerirti ovviamente parti della Liguria, se no ti invito e te la preparo!! :) grazie a te per incuriosirti sempre coi miei post!
      Una buonissima giornata e a presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...