martedì 14 gennaio 2014

Arance&Zucchero




Canditi.

O li odi o li ami. Noi li amiamo, ovvio :)
È da qualche tempo che stiamo ragionando attorno a questo tema, ma non abbiamo mai affrontato la questione soprattutto per la mancanza di una ricetta affidabile da seguire.
Quando però abbiamo trovato delle belle arance bio ci siamo armati di pazienza e cercato la ricetta in rete e sui libri di cucina, quella che per noi avrebbe potuto funzionare...e ci si è aperto un mondo. L'argomento canditi è sconfinato, nel senso che esistono moltissime ricette sul tema. Pensare che fondamentalmente si tratta di mettere assieme tre ingredienti: frutta, zucchero e acqua.
Alcune ricette risolvono la preparazione in un paio d'ore, altre la prolungano per giorni, noi ovviamente abbiamo optato per quella più lunga (qui c'è una leggera tendenza al masochismo), non per altro, mezz'ora di cottura per ottenere dei canditi ci sembrava un po' poca. In effetti le varie ricette che abbiamo trovato differiscono dai tempi di cottura, poi per gli ingredienti sono abbastanza concordi, il peso di zucchero e deve essere uguale a quello della frutta, mentre l'acqua circa la metà.
L'idea originale poi era quella di candire solo la scorza...ma ad avere delle arance così belle e non usare la polpa ci sembrava un peccato, quindi perché no? Facciamo fette di arancia candite, proviamo questo esperimento.
Vi diciamo subito che a metà della preparazione ci è venuto un mezzo dubbio sulle dosi, nel senso che lo sciroppo ci sembrava poco, ma abbiamo risolto alla MacGyver: un paio di pesi da bilancia e le arance rimangono immerse nello sciroppo, senza bisogno di aggiungerne altro.
A parte questa parentesi, esperimento decisamente riuscito. Sono buonissime da mangiare da sole oppure da usare tagliate a pezzetti per arricchire dei dolci.

PS. Vi avanzerà sicuramente dello sciroppo alla fine del processo; è molto concentrato e ha preso tutti i profumi della arance. Non buttatelo assolutamente, ma usatelo al posto del miele nei dolci o semplicemente per dolcificare tè o latte.

Arance Candite
arance bio | 4 grandi
zucchero | stesso peso delle arance
acqua | metà del peso delle arance

Lavare bene le arance, tagliarle a fette di circa un centimetro di spessore, poi farle cuocere in acqua bollente per 20 minuti.
Scolarle bene e poi pesarle; in una pentola capiente mettere lo stesso peso di zucchero, metà del peso in acqua, portare a ebollizione fino a 110° (qui vi serve un termometro da cucina), spegnere il fuoco aggiungere le fette di arancia. Mettere il coperchio e lasciare riposare per 24 ore.
Trascorse le 24 ore scolare bene le fette di arancia dallo sciroppo, portarlo a bollore, rimettere le arance e far riposare per altre 24 ore; ripetere poi l'operazione per altre due volte.
Le arance dovrebbero rimanere immerse nello sciroppo, se non è così metteteci un peso sopra, di modo che siano completamente coperte.
Dopo l'ultimo riposo scolarle e metterle sopra una gratella per dolci ad asciugare per 24 ore, girandole dopo 12; se volete poi potete passarle nello zucchero semolato.
Si conservano per circa un mese chiuse in un barattolo a tenuta ermetica.

Il consiglio di Joe Toastino
Sciogliete del cioccolato fondente a bagnomaria, tuffateci le arance per metà, lasciate solidificare il cioccolato e avrete reso le vostre arance ancora più golose!



2 commenti:

  1. Beh io le amo, sopratutto glassate di cioccolato super fondente :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai assolutamente ragione, cara Elenuccia! Ideali per una dolcissima merenda!! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...