sabato 23 dicembre 2017

Una nevicata di zucchero



Nuovo dolcetto da regalare.

Oggi é il turno dei biscotti alle noci, ricoperti da una bella nevicata di zucchero a velo :)
Anche questi sono veloci da preparare e perfetti da impacchettare in una bella scatolina.
Io ho usato le noci, ma nessuno vi vieta di cambiare tipo di frutta secca o fare un mix. Quello che però vi consiglio é di comprare la frutta secca ancora con il guscio; é vero che é una scocciatura poi sgusciarla, ma é decisamente più buona, e costa anche meno in proporzione... guardare al portafoglio non fa mai male ;)
Quella che avanza potete poi usarla per preparare un bel centrotavola per Natale: riempite una bella ciotola con noci, nocciole, arachidi, mandorle, mettete qualche grossa candela ed il gioco é fatto...e non dimenticate lo schiaccianoci!

Biscotti alle Noci
dosi | 20 biscotti
noci sgusciate | 200 gr
farina | 290 gr
zucchero | 100 gr
burro morbido | 220 gr
vaniglia | una bacca
zucchero a velo | qb

Tritare grossolanamente le noci e poi mescolarle con la farina, lo zucchero, il burro morbido, la vaniglia ed impastare bene.
Fare delle palline della grandezza circa di una noce, metterle su una taglia foderata con carta da forno e cuocerle a 170° per 20/25 minuti, fino a che il fondo non sarà leggermente dorato; sfornare i biscotti e cospargerli ancora caldi con abbondate zucchero a velo.
Si conservano in una scatola di latta per una settimana circa.

Il consiglio di Joe Toastino
Potete tendere ancora più golosi questi biscotti aggiungendo una manciata di gocce di cioccolato fondente all'impasto ;)

giovedì 21 dicembre 2017

Tempo di regali

Una manciata di giorni a Natale.

Siete ancora indecisi su qualche regalo? Nessun problema!
Nei prossimi giorni vi lascerò le ricette di qualche dolcetto, perfetto poi da impacchettare e regalare.
Oggi partiamo con le Rocky Road, ovvero delle barrette con due ingredienti base: cioccolato e marshmallow. Tipiche americane, come potete immaginare sono facili e veloci da preparare, magari coinvolgendo anche i bimbi, che si divertiranno un mondo ad arricchirle con quello che più gradiscono.
Il bello di queste barrette é la loro doppia consistenza: sotto un soffice letto di marshmallow e sopra il cioccolato. Per quelle che vi propongo oggi ho preso ispirazione da una ricetta di Donna Hay; una bella spolverata di petali di boccioli di rose secchi, che potete trovare in erboristeria, e noci e nocciole. Le rose danno quella nota diversa al palato, che é ottima. Ma non esagerate però, che ci vuole veramente poco a trasformarle in saponette immangiabili.
Per prepararle avete due alternative. Temperare il cioccolato oppure no.
Nel primo caso dovrete procurarvi un termometro da cucina, che si trova per pochi euro in qualsiasi supermercato fornito, e seguire il procedimento della ricetta qui sotto.
Senza temperaggio verranno comunque bene, però il cioccolato tenderà a sciogliersi più facilmente a temperatura ambiente e c'é il rischio che diventi opaco. Insomma...avete capito che é meglio optare per la prima opzione ;)

Rocky Road
dosi | una teglia da 20x30 cm
cioccolato fondente | 800 gr
marshmallow grandi | circa 30
boccioli di rosa secchi | 5
nocciole | 50 gr
noci | 50 gr

Foderare con carta da forno una teglia con bordi alti da circa 20x30 cm e disporci dentro i marshmallow.
Far sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente, toglierlo dal fuoco e, mescolandolo di tanto in tanto con una spatola, portarlo a 28°, controllando con un termometro da cucina; riportarlo sul bagnomaria e portarlo a 31°.
Versare il cioccolato nella teglia, sui marshmallow, scuoterla leggermente in modo che si distribuisca uniformemente e cospargerci sopra i petali dei boccioli di rosa, le nocciole e le noci.
Lasciare indurire a temperatura ambiente, tagliare a pezzi a piacimento e conservarle le Rocky Road in una scatola di latta.

Il consiglio di Joe Toastino
Le Rocky Road si possono arricchire con quello che più vi piace; io vi consiglio anche di provarle con mandorle e scorza d'arancia e zenzero canditi.

giovedì 30 novembre 2017

Influenza non ti temo







Piatti Costa Nova, distribuiti da Livellara

Prevenire é meglio che curare.

E la ricetta di oggi é un toccasana per i primi sintomi dell'influenza.
Sono abbastanza restio a prendere medicine se non necessario e, quando inizio a sentire i primi brividi di freddo e dolori muscolari vari ed eventuali, preferisco prepararmi questa zuppa, che altro non é che l'upgrade del brodo di pollo, il classicissimo antinfluenzale della nonna. Zuppa che é veramente semplice da preparare, date retta a me, che già con 37° vago per casa avvolto nelle coperte.
Il brodo é quello classico, preparato con sedano, carota, cipolla e pollo; io ho usato il petto, che tengo sempre in freezer. Sarebbe meglio il pollo intero, anzi, a dirla tutta il top sarebbe la gallina. Ma andremmo sul complicato...il petto di pollo va più che bene.
L'upgrade é dato da zenzero, limone ed aglio; tutti ingredienti con alto potere antibatterico naturale, che sono un toccasana contro influenze&co.
E il bello di questo brodo é che lo si prepara in quantità la prima volta, poi si vive di rendita per i giorni successivi. Io ci ho preparato una zuppa di pasta, ma si può usare anche del riso, oppure berlo così com'è...vi farà bene in qualsiasi caso e non ci sono controindicazioni ;)

Zuppa di Pollo
dosi | 6 persone
petti di pollo interi | 2
pasta mista | 300 gr
carote | 4 medie
sedano | 3 coste
zenzero | un pezzo da 5 cm circa
aglio | 6 spicchi
salvia | un rametto
timo | un rametto
olio evo | 3 cucchiai
sale&pepe | qb

In una larga pentola mettere due carote pelate e tagliate a pezzi, due coste di sedano, anch'esse tagliate a pezzi, la cipolla lavata bene, tagliata a metà ma non sbucciata, gli spicchi d'aglio, i petti di pollo tagliati a metà, lo zenzero tagliato a fette grossolane, il succo e la scorza del limone, qualche grano di pepe ed il sale. Coprire con abbondante acqua fredda e portare ad ebollizione; coprire in parte la pentola con il coperchio e lasciare sobbollire a fuoco basso per un'ora abbondante, controllando che il petto di pollo sia ben cotto. Spegnere poi il fuoco e tenere da parte.
In un'altra pentola far scaldare l'olio, poi aggiungere le foglie del rametto di salvia, quelle del timo, e sedano e carote rimasti, tagliati a fette di circa 3 mm; lasciare rosolare per un paio di minuti, poi aggiungere la pasta e far cuocere ancora un paio di minuti. Coprire a filo con il brodo caldo e portare a cottura la pasta, aggiungendo altro liquido, se necessario; completare con dei pezzi di petto di pollo e servire subito la zuppa, ben calda.

Il consiglio di Joe Toastino
Mettete il pollo rimasto in un contenitore, versateci sopra il brodo filtrato, in modo da eliminare le verdure e conservatelo in frigorifero per un paio di giorni. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...